HomeAmbiente e territorioLe interazioni personali sono una questione (anche) di linguaggio

Le interazioni personali sono una questione (anche) di linguaggio

Ascolta la versione audio dell'articolo

3' di lettura

Tra le parole maggiormente rilevanti del 2021 c’è la rabbia. Un’emozione indisciplinata che, quando si prova, infiamma tutto il corpo. Possiamo subire la nostra rabbia oppure esprimerla in modi diversi. Una domanda importante che abbiamo bisogno di porci, quando la rabbia scoppia improvvisamente, è “da dove proviene questa intensa emozione?”. La rabbia spesso è la punta di un iceberg, nel senso che diventa un diversivo che nasconde o elude momentaneamente delle emozioni e dei bisogni più profondi che la persona non riesce a riconoscere, accettare e quindi a esprimere nelle relazioni e nei contesti con cui sta interagendo.

Le interazioni tra le persone avvengono anche tramite il linguaggio e, spesso, le espressioni che utilizziamo sono modalità che abbiamo acquisito, più o meno consapevolmente, che ci permettono di creare ponti con le persone o muri insormontabili. Il linguaggio che utilizziamo e il significato delle parole che pronunciamo si legano anche alla cultura di riferimento. Mi vengono quindi in mente le diverse storie di persone che ho ascoltato in questi anni all’interno delle aziende che, con grande coraggio, hanno deciso di raccontarsi come esseri umani prima ancora che come ruoli all’interno delle stesse. Queste storie sono state condivise durante focus group che hanno preceduto dei progetti di inclusione. Le storie di Francesco e Anna ci aiutano meglio a comprendere di cosa stiamo parlando.

Loading…