HomeCulturaGli sguardi sull’inconscio di Alfred Kubin

Gli sguardi sull’inconscio di Alfred Kubin

-

Ascolta la narrazione tono dell'articolo

2' di lettura

«La gioia e il dolore sono sempre assai vicini», si diceva convinto Alfred Kubin, disegderivatore e illustratore fra i migliori del basilare Novecento, votato a «riversare in forme artistiche l’universo appartato» che lo abitava, fatto di incertezze e anfratti oscuri.

Originario della Boemia asburgica, dove era derivato nel 1877, fu eloquente interprete del lato oscuro dell’Austria Felix, in cui si immerse per trarre immagini misteriose e inquietanti, che adombravano i luccichii e le frivolezze della Belle Epoque, e si agganciavano anziché al «laboratorio dell’apocalisse» che Karl Kraus vedeva nell’Austria e alla visione di Franz Werfel di un mondo «fissato sui concetti di dritta e mancina, ma che dimentica l’esistenza di un sopra e un sotto».

Loading…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Torino
cielo sereno
20.2 ° C
22.6 °
18.2 °
70 %
1.6kmh
4 %
Dom
28 °
Lun
29 °
Mar
29 °
Mer
26 °
Gio
26 °

Devi Leggere

Sui passi di montagna due corsie dedicate ai ciclisti

0
Prime corsie ciclabili su coppia passi dolomitici. Alfreider: "Miglioriamo la sicurezza per i ciclisti e per tutti gli utenti della strada rendendo la mobilità ciclistica per ora più attraente".